micr

Museo Internazionale della Croce Rossa

Castiglione delle Stiviere MN

scrittura autografa di Henry Dunant

Scrittura autografa di Henry Dunant

L’idea della Croce Rossa

La generosità con cui l'intera popolazione di Castiglione si prodigò per soccorrere i feriti della battaglia di Solferino fu straordinaria. Come testimonierà lo stesso Dunant in un toccante diario di quei giorni (lo pubblicherà poi in un libro) si mobilitarono tutti, ricchi e povera gente, vecchi e bambini. Ma esemplare per tutti fu la dedizione incondizionata delle donne, che dispensarono cure, acqua e brodo caldo a quei poveri soldati riconoscendoli «Tutti fratelli», senza fare alcuna distinzione fra nemici e alleati. E le più giovani non esitarono a strappare i lenzuoli dei loro corredi di nozze per farne bende per tamponare le ferite. Travolto da quell'ondata di generosità, Dunant non solo partecipò attivamente al coordinamento dei soccorsi, ma cominciò a elaborare l'idea di dar vita a una organizzazione, la cui neutralità fosse riconosciuta da tutti gli Stati, per il soccorso dei feriti sui campi di battaglia. Tornato a Ginevra, divulgò il resoconto del suo viaggio in Italia pubblicando, a sue spese, un libro che sconvolse l'intera Europa, Un souvenir de Solferino.

In esso venivano descritte la guerra e le inefficienze degli eserciti nell’affrontarne le conseguenze. Le conclusioni di Dunant furono: «Non ci sarebbe mezzo di costituire, in periodo di pace, delle Società di Soccorso con lo scopo di far curare i feriti in tempo di guerra, da volontari attivi, devoti e ben qualificati per un’opera simile?». Il libro fu così toccante, e così incisiva la proposta che ne emergeva, da convincere i sovrani di ben 16 Stati a riunirsi nel 1863 a Ginevra in una Conferenza internazionale, che portò alla nascita della Croce Rossa gettando le basi del diritto internazionale umanitario. Nasceva così, dall'idea suggerita a Dunant dalla generosità incondizionata delle donne castiglionesi, l'organizzazione che oggi conta l'adesione di 189 Stati nazionali e milioni di soci attivi in tutto il mondo.

Firma della I Convenzione di Ginevra I firmatari della Convenzione